Per migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo. Per saperne di più, consulta la nostra Cookie Policy.

 

DentroUnQuadro Intervista a Elena Ariosto su #psicologia #alimentazione #peso #disagio //www.dentrounquadro.it/interviste/intervista-a-elena-ariosto

  • partner-maffialife
  • partner-dna
  • partner-buenvivir
  • partner-aicca
  • logo-semp-mindful
  • logo-articolo-4
  • LogoRotaryBergamoBanner

btn-forum  btn-donazioni

la Repubblica - Numero 112
Domenica 12 maggio 2013

Sono in aereo, apro il giornale e leggo:“CONTRO I PASSANTI ARMATO DI PICCONE ALBA DI TERRORE NELLE STRADE DI MILANO. IL KILLER: HO HAME, NON HO UNA CASA".
Cerco l’articolo, due pagine di racconti, due pagine di storie spezzate…due pagine di terrorizzante indifferenza…

Inizio a leggere: "Due ore e mezza di buio, morte e follia, a cercare bersagli, a spaccare crani a caso"...

4.05 Aggredito con la spranga 23enne, Andrea Carfora
5.15 Colpito con la spranga 50enne, Francesco Niro
6.17 Aggredito con il piccone 54enne, Antonio Morisco
6.22 Ferito con il piccone 64enne, Ermanno Masini
6.25 Colpito a morte con il piccone 40enne, Alessandro Carolè
6.28 Prima telefonata ai carabinieri
6.30 Colpito ripetutamente con il piccone 20enne, Daniele Carella
6.37 Arrestato il killer 31enne, Adam Kabobo

Più vado avanti e più ho la sensazione che le parole mi entrino nella pelle, costruendo quella sensazione di angoscia che mi leva il respiro…dalla prima aggressione alla prima chiamata ai carabinieri sono passate 2 ore e 23 minuti…sono state necessarie 5 aggressioni e chilometri di indifferenza…eppure camminava per le strade di Milano con una spranga di metallo prima e un piccone sulla spalla poi…com’è possibile?
Com’è possibile che secoli di evoluzione ci abbiano portato a questo? E' veramente qui che volevamo arrivare?
Com’è possibile sentirsi al sicuro in una “comunità” dove tutti si incrociano e si passano attraverso come se fossero fantasmi? Eppure paradossalmente è stata la nostra predisposzione naturale anche alla solidarietà e alla cooperazione a permetterci di uscire dalle grotte…e tutto questo per portarci dove? A costruirci delle gabbie interne in cui non c’è più posto per l’altro, dove fatto salvo ognuno, il resto è indifferenza…come è possibile sentirsi veramente al sicuro quando si è soli?

Questa è davvero evoluzione?

 La redazione DUQ

“Quando soffia il vento alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento.”

faresolidale