Per migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo. Per saperne di più, consulta la nostra Cookie Policy.

 

DentroUnQuadro Intervista a Elena Ariosto su #psicologia #alimentazione #peso #disagio //www.dentrounquadro.it/interviste/intervista-a-elena-ariosto

  • partner-maffialife
  • partner-dna
  • partner-buenvivir
  • partner-aicca
  • logo-semp-mindful
  • logo-articolo-4
  • LogoRotaryBergamoBanner

btn-forum  btn-donazioni

articoloquattro

Viene presentata e se ne parla mercoledi 30 gennaio: "Articoloquattro", un'associazione per rivendicare il diritto a esercitare un dovere, quel dovere sancito dall'Articolo 4 della costituzione (a cui si ispira) che recita:

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale e spirituale della Società.

Un'associazione che intercetterà donne e uomini ultraquarantenni, dalle diverse professionalità, emarginati o espulsi dal mondo del lavoro, un lavoro che non era mai stato inquadrato o garantito.
Liberi professionisti, partite IVA, artigiani, piccoli imprenditori. Persone che hanno svolto la loro professione, che vorrebbero ancora svolgerla, che non possono più farlo perchè il loro lavoro si è sbriciolato, è finito, non ha più mercato. E insieme al lavoro rischia di sbriciolarsi e sparire anche la loro idendità, con una serie di conseguenze anche pratiche (difficoltà finanziarie, abitative, relazionali) difficilmente visibili e percepibili, anche per il senso di disagio nel renderle pubbliche e condivisibili.

Articoloquattro, quindi, vuole intervenire nell'intercettazione del disagio professionale,, economico , abitativo e psicologico di questa grande fascia di persone e proporre idee, interventi, progetti per arrivare a una condivisione del problema, ma prima ancora, nel farlo emergere dalla palude silenziosa in cui sta affondando.

«Noi non siamo stati licenziati, non siamo in cassa integrazione o mobilità, e neppure esodati. Non siamo precari, nè tanto meno giovani in cerca di inserimento. Siamo la "grey zone", non apparteniamo a nessuna categoria protetta e organizzata, qualunque essa sia. Non "esistiamo" a livello statistico, non ci siamo mai contati e non sappiamo neppure quanti siamo, ma ci siamo, eccome se ci siamo!!E siamo molti di più di quanto sia possibile immaginare. Ma non veniamo allo scoperto perchè sappiamo che facendo conoscere il nostro disagio saremmo, in questo modello ormai inutile società competitiva, emarginati come il branco allontana l'animale malato del gruppo» spiega Giulio Trevisani, 59 anni, fondatore di "articoloquattro".

presenteranno, spiegheranno e parleranno di "Articoloquattro":

  • Claudio Bossi, presidente di LA CORDATA Impresa Sociale; www.lacordata.it
  • Giulio Trevisani, fondatore di "articoloquattro"
  • "GENTE COME UNO", estratto dallo spettacolo di Manuel Ferreira e Elena Lolli della compagnia Alma Rosé con Manuel Ferreira
  • Andrea Di Stefano, direttore della rivista "VALORI"
  • Graziano Camanzi, presidente di OVERQUARANTA "management e PMI insieme per crescere: il lavoro al centro"
  • Laura Costato, vicepresidente di www.impresecheresistono.org "piccoli che pensano in grande"
  • Serena Basile, psicologa e presidente di Dentro Un Quadro; www.dentrounquadro.it
  • Alessandra Tedeschi, psicologa e presidente di Buen Vivir; www.buenvivir.it
  • "dalla competizione alla cooperazione: il nuovo ruolo dei cittadini"
  • Giovannangelo "Vanni" Salvemini, responsabile finanziario NEC: "altre forme e luoghi di lavoro possibili: i laboratori urbani"
  • Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali e Cultura della Salute del COmune di Milano "prevenire invece di curare: un welfare attivo e nuovo"

A partire dalle 20:55 collegamento di ìn diretta streaming sul sito www.greyzone.it

Emanuela Dini
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

"La poesia non è di chi la fa, ma di chi gli serve."
Massimo Troisi

faresolidale