DentroUnQuadro Intervista a Elena Ariosto su #psicologia #alimentazione #peso #disagio //www.dentrounquadro.it/interviste/intervista-a-elena-ariosto

  • partner-maffialife
  • partner-dna
  • partner-buenvivir
  • partner-aicca
  • logo-semp-mindful
  • logo-articolo-4
  • LogoRotaryBergamoBanner

btn-forum  btn-donazioni

L’Associazione viene istituita il 1 maggio 2012 da un gruppo di psicologi e psicoterapeuti coadiuvati da un designer e da un informatico.

Nasce da una presa di coscienza: in Italia le persone vedono minato il proprio diritto a una cura psicologica e psicoterapeutica adeguata causata dagli effetti della crisi economica e di sistema che ormai da anni incide e ferisce il nostro Paese.

Il Sistema Sanitario Nazionale fa quel che può, con risorse costantemente minacciate da “tagli”, e gli effetti del malessere psicologico - oggi così diffuso - sono drammatici, tanto sui singoli quanto sulla capacità di ripresa e di rinascita della popolazione. Molte persone (troppe!) non sono consapevoli degli effetti del malessere psicologico sulla salute e sulla qualità della vita; né sanno quanto un percorso psicologico o psicoterapeutico adeguato possa rappresentare il tipo di intervento di cui si hanno bisogno.

Tanti psicologi e psicoterapeuti, inoltre, non avendo possibilità di inserimento nel SSN, faticano a individuare canali adeguati per poter rispondere a una domanda sociale pressante. Spesso acconsentono alla svendita economica della propria dignità professionale pur di non negarsi alla domanda di “cura” e di poter comunque esercitare la propria professione.

 

OBIETTIVI

1. abbattere le barriere economiche e culturali che impediscono l’accesso da parte della popolazione ai servizi di intervento clinico psicologico e psicoterapeutico erogati privatamente;

2. promuovere presso la categoria professionale di psicologi e psicoterapeuti un atteggiamento proattivo finalizzato all’attuazione di interventi clinici impattanti e declinati in contesti di vita diffusi;

3. promuovere e tutelare la dignità professionale della categoria degli psicologi e degli psicoterapeuti.

 

MODALITÁ

1. creazione di uno “spazio” on line, sede di diffusione di cultura psicologica attraverso codici e canali espressivi che ne facilitino la comprensione anche per i non esperti del settore;

2. attuazione di attività, iniziative, progetti che facilitino la diffusione di cultura psicologica in contesti diffusi;

3. creazione di una Rete di professionisti, che esercitino la professione nel pieno rispetto della Carta Etica dell’Associazione, dunque riconoscendo la relazione con il paziente come vero catalizzatore del cambiamento e attuando forme di intervento clinico fondate su modelli epistemologici che si pongano in un’ottica di falsificabilità scientifica.

 

Il logo è di Elvis Meneghel. Sito web sviluppato da Maffialife Multimedia Design.

L’Associazione viene istituita il 1 maggio 2012 da un gruppo di psicologi e psicoterapeuti coadiuvati da un designer e da un informatico.

Nasce da una presa di coscienza: in Italia le persone vedono minato il proprio diritto a una cura psicologica e psicoterapeutica adeguata causata dagli effetti della crisi economica e di sistema che ormai da anni incide e ferisce il nostro Paese.

Il Sistema Sanitario Nazionale fa quel che può, con risorse costantemente minacciate da “tagli”, e gli effetti del malessere psicologico - oggi così diffuso - sono drammatici, tanto sui singoli quanto sulla capacità di ripresa e di rinascita della popolazione. Molte persone (troppe!) non sono consapevoli degli effetti del malessere psicologico sulla salute e sulla qualità della vita; né sanno quanto un percorso psicologico o psicoterapeutico adeguato possa rappresentare il tipo di intervento di cui si ha bisogno.

Tanti psicologi e psicoterapeuti, inoltre, non avendo possibilità di inserimento nel SSN, faticano a individuare canali adeguati per poter rispondere a una domanda sociale pressante. Spesso acconsentono alla svendita economica della propria dignità professionale pur di non negarsi alla domanda di “cura” e di poter comunque esercitare la propria professione.