DentroUnQuadro Intervista a Elena Ariosto su #psicologia #alimentazione #peso #disagio //www.dentrounquadro.it/interviste/intervista-a-elena-ariosto

  • partner-maffialife
  • partner-dna
  • partner-buenvivir
  • partner-aicca
  • logo-semp-mindful
  • logo-articolo-4
  • LogoRotaryBergamoBanner

btn-forum  btn-donazioni

Gli effetti dello stress da disoccupazione su fertilità e gravidanza

Intervista a Miriam Dedè a cura di Laura Ravanelli

Quali possono essere gli effetti della traumatizzazione da disoccupazione sulla fertilità e sulla gravidanza?

La traumatizzazione da disoccupazione e’ certamente una importante forma di stress. Qualsiasi forma di stress acuto determina di per se’ un aumento della produzione di tre ormoni, il cortisolo, l’adrenalina e la prolattina che modulano le funzioni del corpo per metterlo in grado di reagire alla situazione stressante. Quando poi tale situazione di stress diventa cronica, come avviene in questo tipo di traumatizzati onde, questi ormoni vanno ad influenzare una “centralina” situata nel cervello, detta ipotalamo, che ha anche una funzione di controllo sul ciclo mestruale; si crea così una interferenza a livello dell’ipotalamo tra gli ormoni dello stress e quelli del ciclo mestruale che può portare sia a situazioni di blocco dell’ovulazione, sia ad alterazioni della ciclicità mestruale che a causa di una alterata produzione di progesterone vanno dalla polimenorrea (mestruazioni in anticipo), all’oligomenorrea (mestruazioni in ritardo), all’amenorrea (assenza del ciclo mestruale), come anche spotting (perdite ematiche tra una mestruazione e l’altra). Risulta quindi evidente come, la prima conseguenza di un’alterazione del ciclo possa portare anche a situazioni di sterilita’ dovute proprio a malfunzionamento della fisiologia ovarica, che possono a loro volta aggiungere ulteriore stress alla persona. Vi sono poi anche conseguenze anche quando tale situazione stressogena colpisca durante la gravidanza. Lo stress cronico infatti, a causa del mantenimento prolungato nel tempo di alti livelli di cortisolo, può avere conseguenze anche sulla salute del nascituro; numerosi studi hanno infatti evidenziato come in situazioni di stress cronico aumenti il rischio di parto pretermine e di basso peso alla nascita del neonato. Inoltre è stato evidenziato anche un effetto sulla motricità del feto, e’ infatti stato dimostrato con l’ecografia che figli di madri con alti livelli di stress hanno meno movimenti in utero. Da ultimo ma non meno importante, e’ stato evidenziato come lo stress cronico abbassi in modo notevole le difese immunitarie; in caso di gravidanza tale abbassamento delle difese non sarà solo a carico della mamma ma anche del bimbo, che e’ stato dimostrato avrà una maggior frequenza di infezione di infezioni infantili con conseguente uso di numerosi antibiotici già in età molto precoci.

Come è possibile intervenire?

Per cercare di attutire gli effetti dello stress sul ciclo mestruale e sulla stessa gravidanza possiamo agire su diversi fattori come sonno,capacità di rilassarsi, attività fisica, mantenimento del peso forma e alimentazione, che sono direttamente correlati alla nostra capacità decisionale e su cui possiamo avere un’influenza diretta, non potendo, soprattutto in questo genere di situazione rimuovere la causa dello stress.

In che misura ritiene utile un intervento parallelo di tipo psicologico?

Ritengo che un intervento psicologico possa senz’altro essere di aiuto, soprattutto nell’aiutare il soggetto a gestire questo stato stressogeno e nell’aiutarlo a trovare le proprie risorse su cui poter fare leva per superare la situazione, evitando così che l’ansia generata dalla situazione peggiori la situazione di stress cui il soggetto e’ sottoposto.

miriam-dede

Dopo la laurea in Medicina e Chirurgia, conseguita presso l’Universita’ degli Studi di Milano nell’ottobre 2004, si specializza in Ginecologia e Ostetricia con lode con tesi dal titolo “Impiego delle tecniche di agopuntura nel contesto di cicli di PMA maggiore per implementare la follicologenesi ovarica e la percentuale di impianto: rilievi clinici”. Si occupa da sempre di Sterilita’ di Coppia e Endocrinologia Ginecologica presso l’Ospedale Macedonio Melloni di Milano. Da sempre interessata alla Medicina Olistica integrata, e’ esperta in fitoterapia, isoterapia SANUM, Floriterapia e Theta Healin

Per contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.