Per migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo. Per saperne di più, consulta la nostra Cookie Policy.

 

DentroUnQuadro Intervista a Elena Ariosto su #psicologia #alimentazione #peso #disagio //www.dentrounquadro.it/interviste/intervista-a-elena-ariosto

  • partner-maffialife
  • partner-dna
  • partner-buenvivir
  • partner-aicca
  • logo-semp-mindful
  • logo-articolo-4
  • LogoRotaryBergamoBanner

btn-forum  btn-donazioni

Quando riciclare diventa Arte…

Intervista a Carlo Lombardo a cura di Cristina Lampis

In che senso si può parlare di utilità della creatività?

L'arte del riciclo e del riuso creativo nasce dal presupposto che qualsiasi oggetto che si rompa, che sia diventato vecchio, o che semplicemente non utilizziamo più e anche tutto ciò che consideriamo da buttare - come per esempio gli imballaggi degli alimenti, le bottiglie di vetro o di plastica - può essere utilizzato, come oggetto intero o in alcune parti, e diventare un'opera d’arte; oppure trasformarsi in un altro oggetto utile. Questa forma d'arte è praticata ormai da parecchi anni e, per quanto mi riguarda, riutilizzo materiale di vario genere come tastiere di vecchi computer, pezzi di tende o docce rovinate, giornali, vecchi giochi in scatola, tappi e corde. Per farvi qualche esempio: con chiodi, fili elettrici, cannucce e puntine si possono creare dei fiori bellissimi, poi basta uno sfondo di carta verde ed il gioco è fatto!; oppure dalle cialde del caffè si possono creare orecchini e bracciali, dai tasti di vecchie tastiere o vecchissime macchine da scrivere creare anelli, gemelli, orecchini.

Ci sono associazioni che si occupano di riciclo sul territorio milanese e lombardo?

Io sono all'interno di RIGENERART, un'idea nata da GUIZART, associazione di artisti di cui faccio parte, ideata e creata dall'artista Guido Poggiani. Ogni anno organizziamo varie esposizioni delle nostre creazioni e presentiamo il nostro lavoro anche nelle fiere a tema come abbiamo fatto, per esempio, al Bicocca Village e alla Festa del Riciclo di C.so Buenos Aires. Inoltre, capita spesso che locali di Milano ed hinterland ci invitino ad esporre le nostre opere al loro interno. Negli ultimi due anni abbiamo effettuato due importanti performance dal vivo intrattenendo centinaia di bambini a cui abbiamo fatto creare con cartoni, tappi e pezzi di stoffa i paesaggi a loro più cari, mentre con vecchie custodie di cd hanno realizzato dei portafotografie. Sicuramente nel territorio lombardo vi sono molti artisti che riciclano i materiali con cui realizzano svariate opere, ma non conosco altre associazioni specifiche come la nostra.

In che modo l'arte del riciclo ti ha cambiato la vita e può diventare socialmente utile per le persone?

Dipingendo da circa 12 anni ho scoperto come molte mie opere grazie all'aggiunta di materiale diventavano più vive, e più vissute. Così, nel tempo provo sempre a cimentarmi e crearne di nuove utilizzando sempre nuovi materiali che, diversamente, sarebbero destinati alla spazzatura. Quando ci si appassiona alla cultura e all'arte del riciclo si inizia a dare più valore alle cose e, ben presto, si scopre che la regola delle 3 R Riusa, Ricicla, Ricrea oltre a comportare un certo risparmio - che di questi tempi è doveroso - dà anche molta soddisfazione e ci rende più creativi. A questo si associa anche il rispetto per l'ambiente e un uso sostenibile delle risorse. Inoltre, l'abbattimento dei costi per via del materiale reperibile molto facilmente e a costo zero, permette a chiunque lo desideri di sperimentarsi nel riciclo creativo. Per esempio, sono venuto a conoscenza che un'azienda crea borse dal riciclo di vecchi teloni dei tir e in questo modo dà vita ad un vero e proprio lavoro per varie persone. Spesso, le persone mostrano entusiasmo verso le opere d'arte create con materiale di riciclo. Forse scoprire che le cose di sempre possono avere utilizzi impensati ci aiuta a comprendere come sia possibile il rimettersi in gioco nella vita, cosa che faccio tutti i giorni appena apro gli occhi; aspetto questo che mi rende sempre un uomo libero.

carlo-lombardo

Cornice realizzata da Carlo Lombardo con materiale da riciclo

Carlo Lombardo, nasce a Milano nel 1970. Dopo le scuole e decine di lavori da autodidatta approda ad un percorso artistico fatto di continuo ricerche, nate dall’esigenza di esprimere e confondere, fatto di sfumature e di poesia, pezzi di vita incollati insieme sulle tele. E’ una pittura fatta di getto, le immagini, per lo più astratte, si incarnano nei materiali dove gli smalti si mescolano con corde, chiodi, stracci. All’interno delle sue geometrie imperfette, dentro i giorni non finiti, dentro le notti interminabili, dentro le anime ballerine e i cieli suburbani, dentro il suo incredibile mondo. E’ arte penetrante che dissolve il pensiero, fino toccare la sensibilità dell’uomo.

www.carlolombardo.it